Excite

Veronica Lario, la frase "Silvio è un maiale" e la smentita

Il quotidiano Il Fatto ha rivelato sul numero di ieri che nella mail inviata all'Ansa lo scorso 28 aprile parlando del marito Veronica Lario aveva scritto: "Silvio è un maiale". Ma tale espressione non è stata riportata nel lancio di agenzia. Secondo il quotidiano diretto da Antonio Padellaro la signora Berlusconi sarebbe stata convinta dall'Ansa a ritirare la frase più pesante.

Alla notizia ha presto replicato la stessa Veronica Lario scrivendo a Padellaro: "Egregio Direttore, leggo con stupore nel numero di oggi del Suo giornale che la mia famigerata comunicazione-mail del 28 aprile all'Ansa, nella sua versione originale, avrebbe contenuto la parola "maiale" riferita a mio marito. Devo smentire recisamente l'affermazione: non ho mai rivolto a mio marito questo epiteto, né in quell'occasione né in altre. Le sarò grata se vorrà informare, con il dovuto rilievo, i lettori de il Fatto Quotidiano. I migliori saluti".

Il direttore de Il Fatto non si è però fatto cogliere alla sprovvista e a sua volta ha replicato: "Gentile Signora, prendiamo atto della sua 'recisa smentita' e ne comprendiamo perfettamente le ragioni. Per quanto ci riguarda i fatti sono semplici e partono da quella che Lei definisce 'la famigerata comunicazione-mail del 28 aprile all'Ansa'. In essa erano contenute affermazioni che la direzione dell'agenzia giudicò così 'forti' e così 'sopra le righe' da essere a rischio querela. Lei accettò il suggerimento e quelle espressioni non comparvero nel lancio andato in rete quella sera stessa, alle 22 e 31. L'episodio rimasto per sette mesi riservatissimo è stato improvvisamente rivelato nelle anticipazioni dell'ultimo libro di Bruno Vespa. Subito noi del Fatto Quotidiano ci siamo chiesti che cosa contenessero di cosi forte e di così sopra le righe quelle affermazioni, visto che già quelle pubblicate avevano scatenato un putiferio. Abbiamo ascoltato i testimoni diretti, giornalisti e non, che quello scoop avevano trattato. Abbiamo messo a confronto le loro versioni, assolutamente concordanti sul riferimento alla razza suina; quello poi cancellato nella 'famigerata comunicazione'. Per doveroso controllo venerdì alle 17 e 33 abbiamo inviato all'indirizzo della sua posta elettronica una prima mail nella quale le chiedevamo di esprimersi 'a proposito del suo intervento tagliato a suo tempo dall'Ansa e delle nuove carognate appena uscite sul viaggio con sua figlia in Oriente'. Non avendo ricevuto risposta, alle 20 e 09 le abbiamo inviato una seconda mail con la quale le comunicavamo che l'indomani il Fatto avrebbe pubblicato la frase sul 'maiale', ricostruita in base a testimonianze dirette chiedendole di corroborare quanto a noi risultava. Alle 20 e 16 è arrivata la sua mail con questa risposta: 'Grazie, ma in questa fase preferisco evitare di esprimermi sulle 'carognate' varie'. A questo punto è legittimo chiedersi come mai Lei non abbia smentito, subito, nella sua di mail di venerdì sera la frase contestata. Smentita che ci è giunta invece ventiquattr'ore dopo, attraverso un fax proveniente dallo studio Morelli Battistella. Con grande rispetto per la sua situazione, desideriamo insistere: perché a questo punto non rende pubblica l'esatta formulazione della frase tagliata dall' Ansa?".

Sono state proprio le anticipazioni sull'ultimo libro di Bruno Vespa a ridestare l'attenzione su quella mail e il suo contenuto. Nel libro Vespa ha scritto che nel pomeriggio di quel 28 aprile il direttore dell'Ansa, Giampiero Gramaglia, ha detto a Veronica Lario: "Signora, la frase è un po' troppo sopra le righe. Mi permette di tagliarla?". E la Lario ha risposto: "Direttore, ho i miei buoni motivi per averla scritta. Comunque si regoli come meglio crede. L'importante è che la sostanza di quel che penso esca immutata".

Come riportato dal sito DagoSpia, Gramaglia, che non è più direttore dell'Ansa ma ne è ancora dipendente fino al 31 dicembre prossimo, si è limitato a dire che la ricostruzione del libro è "sostanzialmente corretta".

 (foto © LaPresse)

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017