Excite

Valeria Marini denunciata per appropriazione indebita, non restituì i diamanti al suo giolliere: "E' una calunnia"

  • Getty images

di Margherita Gamba

E' arrivata come una doccia fredda, cogliendo tutti di sorpresa, la notizia secondo cui Valeria Marini sarebbe accusata di appropriazione indebita. Dichiarazioni pesanti fatte dall'ex consulente principale del marketing assunto per gestire la sua linea di abbigliamento. Si tratta di Manuel Pirino, gioielliere e amico al punto da essere ospitato per tre mesi nell’appartamento romano della showgirl, a Piazza di Spagna.

Valeria Marini in barca, foto

Valeria Marini sulla cover di Maxim, foto

E' bastata una lite, nel gennaio 2010 - come riporta il Corriere della Sera - per rompere il legame tra i due. E così la 46enne ha cacciato Pirino, dando origine a una querelle che non si è mai placata. Ma cosa è accaduto? Secondo il pm Antonella Nespola, l’attrice non avrebbe restituito i gioielli che il suo ex collaboratore teneva nell’alloggio: una parure di gemelli d’oro modello pavé e due tennis di diamanti e smeraldi il cui valore, secondo l'uomo, si aggirerebbe intorno ai 170 mila euro. Ma di questi preziosi, però, non c’è nessuna prova materiale. "Quest’uomo si è inventato tutto per danneggiarmi", ha raccontato la Marini davanti al vice procuratore onorario Giovanni Nostro. "Ho restituito a Pirino tutti i suoi effetti personali. E comunque non ricordo che tra queste cose ci fossero i gioielli".

La diatriba, però, rimane aperta: alcuni testimoni confermerebbero l'ipotesi dell'accusa, mentre i legali della Marini parlano di "calunnia vera e propria". "Quell’uomo dice delle falsità. Lo abbiamo denunciato a Sassari", ha fatto sapere Alessio Pensa, che difende la Valeriona nazionale. Intanto, la donna è stata chiamata in un'aula di piazzale Clodio per chiarire l'accaduto.

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017