Excite

Sircana: "Io non c'entro nulla"

"Stanno provando a rovinarmi. Io con quelle foto con c'entro niente".
Silvio Sircana, portavoce di Romano Prodi, è sconvolto. Al quotidiano "Il Giornale" rivendica la sua innocenza anche se non ne sentirebbe il bisogno visto che "non sono io il politico importante del quale parlano Corona e il fotografo".

La notizia che nel mirino dei fotografi della Corona's c'è finito anche un politico, beccato mentre con la macchina approcciava un trans, lo riguarda da vicino. O almeno così dicono i verbali della procura di Potenza.
"Non sono io, non so niente di questa storia. Nessuno mi ha avvertito. Nessuno mi ha messo in guardia. Dove sono questi verbali?".

Silvio Sircana è sconvolto e preoccupato visto che il suo nome è finito in una storia sporca, accanto a quello di un fotografo che si chiama Max Scarfone che parla al telefono con Fabrizio Corona e che gli riferisce: "Ti dico un personaggio importantissimo della politica ..a transessuali... ti dico solo questa...".

"Nessuno mi ha ricattato, nessuno mi ha chiesto nulla", continua Sircana che poi aggiunge: "Io non ho queste abitudini. E' fango che mi buttano addosso. Ma ti rendi conto? Cosa devo dire adesso a mia moglie e ai miei figli? Io sono una brava persona".

Intanto sono arrivate le prime reazioni politiche alla notizia di un possibile coinvolgimento di Silvio Sircana nella vicenda di Vallettopoli.
Ad uscire allo scoperto è stata la 'Velina rossa' di Pasquale Laurito che ha chiesto le dimissioni del portavoce del governo Prodi.

Una richiesta che ha suscitato l'immediata reazione di Palazzo Chigi che ufficiosamente ha "in modo categorico" smentito la possibilita' di dimissioni denunciando il tentativo di "aggiungere fango a fango".

Nella Velina si sottolinea che "quando viene coinvolto in una faccenda di cronaca piuttosto dolorosa, il portavoce di un governo deve venire incontro al suo dovere... rassegnare subito le dimissioni".
Si ricorda poi che "il capo ufficio stampa dell'allora Presidente del Consiglio, Massimo D'Alema, il giornalista Fabrizio Rondolino, per le critiche ricevute in seguito alla pubblicazione di un suo libro sull'eros, ha sentito la necessita' di rassegnare le dimissioni dal suo incarico".

Il diessino Peppino Calderola ha difeso Sircana: "Da quello che si sa - afferma - a me sembra che si tratti di una cosa tra il banale e il goliardico" per questo "di sicuro non c'e' alcun obbligo per Sircana di fare un passo indietro: si tratta di una decisione assolutamente personale".

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017