Excite

Silvio Berlusconi su Chi difende sè stesso e la sua famiglia

Silvio Berlusconi si affida al settimanale di famiglia, Chi, per raccontare le vicissitudini della famiglia, smentire quelle che definisce false informazioni e restituire all'Italia l'immagine di un premier limpido e chiaro.

Il primo affondo Berlusconi lo dedica all'Avvenire che aveva parlato di festini organizzati con delle minorenni: "anche loro sono caduti nel tranello delle calunnie contro di me, prendendo per vere notizie false" ma "io non ho mai intrattenuto relazioni con minorenni e non ho mai organizzato festini. Ho partecipato soltanto a cene certamente simpatiche, ma assolutamente ineccepibili sul piano della moralità e dell'eleganza. E non ho mai invitato consapevolmente a casa mia persone poco serie".

Nega la notizia secondo cui sarebbe pronto a vendere Villa Certosa, teatro degli scandali degli ultimi mesi, appellandosi al diritto alla privacy che ognuno, dice, dovrebbe avere pur essendo un personaggio pubblico: "il diritto alla riservatezza è una parte essenziale della libertà. Ridurre la libertà altrui è, in uno Stato di diritto, un reato grave. Non basta una multa a sanzionarlo, come fosse un divieto di sosta. Non è accettabile che crescano le regole, che si moltiplichino le disposizioni e gli organismi a tutela della privacy e che contemporaneamente si possa invadere così facilmente la vita altrui".

Non poteva mancare il riferimento alla figlia Barbara e, contestualmente, alla figlia Marina che in questi giorni pare stiano "litigando" per l'eredità soprattutto a seguito dell' intervista rilasciata da Barbara a Vanity Fair.

"Non sapevo dell'intervista", dice il premier, "ma era immaginabile che qualche giornale avrebbe cercato il sensazionalismo, cioè di contrapporre mia figlia a me, una contrapposizione che davvero non esiste. L'intervista andava benissimo, ma è stata strumentalizzata e penso che strumentalizzare la mia famiglia, sia forse il punto più basso del degrado della vita politica".

Con il settimanale Berlusconi parla anche della fine del suo matrimonio con Veronica Lario: "è difficile prendere atto che dopo trent'anni molto è cambiato nella propria vita. Soprattutto quando si è vissuta una vera storia d'amore. Trent'anni non sono un giorno".

Un Berlusconi furioso, dunque, quello che si sfoga su Chi e che, tra un problema e un altro, cerca di trovare la quadratura del cerchio intorno alle ultime vicende.

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017