Excite

Sara Tommasi ricoverata in ospedale

  • Facebook Official

La saga che ha per protagonista Sara Tommasi si arricchisce di un nuovo capitolo. Dopo l'arresto di Giuseppe Matera e Federico De Vincenzo, produttori del film porno a cui ha preso parte la showgirl, ecco nuove rivelazioni. Secondo quanto riportato da Dagospia, la 31enne sarebbe stata trasportata in un ospedale di Roma.

Sara Tommasi e Nando Colelli su Facebook, foto

Familiari e amici erano preoccupati per lo stato psichico e fisico della ragazza e, dopo averla convinta, sono riusciti a trasportarla nel nosocomio. "L'epopea di Sara Tommasi", si legge sul sito, "finisce un'altra volta in una stanza di ospedale. Ieri sera, all'indomani dell'arresto dei produttori dei suoi film porno, la showgirl è rientrata da Milano con il fidanzatino Stefano Ierardi verso le 21. Non stava bene già da qualche tempo, con sbalzi d'umore e visibili up e down, un giorno su, pimpante e vivace, un giorno giù, talmente depressa da riuscire ad emettere solo poche parole. Il ricovero per rimetterla in sesto era ormai inevitabile. Stavolta, però, non è servito il Tso. Sara, con una scusa, è stata accompagnata da un gruppo di amici fidati in un ospedale delle capitale dove ad attenderla c'era la madre, Cinzia Cascianelli, e due medici psichiatri".

"C'è voluto molto tempo e molta pazienza, ma alla fine Sara ha deciso di rimanere in ospedale e farsi curare. Per la gioia dei suoi cari e di tutti quelli che le vogliono bene. Non si sa quanto tempo rimarrà in ospedale, la speranza è, però, che dopo le cure necessarie Sara sia portata in una comunità terapeutica per liberarsi una volta per tutte dall'incubo delle droghe, di cui fa uso da anni, come lei stessa ha confessato nel suo libro 'Ora basta, parlo io'". Poi, è stata svelata anche una curiosità: il profilo Facebook della bocconiana non è stato oscurato: è stata la diretta interessata che, pochi giorni fa, ha deciso di chiuderlo, forse stanca del troppo gossip.

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017