Excite

Rupert Everett: ‘Dopo il mio coming out, a Hollywood non ho più lavorato’

E’ stato il protagonista di commedie gettonatissime come ‘Il matrimonio del mio migliore amico’ e ‘Stage Beauty’; in seguito al coming out circa la propria omosessualità, però, Rupert Everett si è visto escluso dal dorato mondo di Hollywood: ‘Dopo aver reso pubblica la mia omosessualità – ha detto l’attore inglese ai microfoni di Radio 4 della BBC - non ho fatto molto a Hollywood e non ho più avuto un lavoro. Ho girato un paio di film, sono stato molto fortunato all’inizio della mia carriera. Poi non ho più avuto un ingaggio per dieci anni’.

Guarda tutti i cambiamenti fisici di Rupert Everett

Per continuare a lavorare, Everett ha dovuto fare una scelta drastica: ‘Sono tornato in Europa. Hollywood – ha continuato - è un mondo estremamente conservatore che finge di essere liberale. Lo showbusiness è stato creato per gli eterosessuali e la maggior parte delle persone che lo frequentano non sono gay’.

Certo, non mancano positive eccezioni: ‘Molti attori eterosessuali cercano di interpretare ruoli gay per mostrare un lato differente di sé. La performance di Colin Firth in ‘A Single Man’ è stata strepitosa’. Ma anche in questo caso c’è un brutto rovescio della medaglia: gli attori gay, spiega Rupert, vengono danneggiati e costretti a interpretare unicamente ‘ruoli estremi o macchiettistici, come le drag queen. E’ complicato. E’ un momento in cui l'omofobia è in crescita nella nostra cultura. E’ sciocco, crudele, immorale, ma è così’.

 (foto © LaPresse)

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017