Excite

Morte Brenda, il transessuale China a Porta a Porta

La morte del transessuale Brenda sta smuovendo l'intero ambiente che gravitava intorno a questo personaggio e forse non solo questo ambiente.

Guarda le foto di Brenda

Il luogo del ritrovamento del cadavere di Brenda

A seguito delle ultime indagini, infatti, potrebbe essere riaperto anche il fascicolo dedicato alla morte del pusher Gianguarino Cafasso, deceduto a Roma lo scorso 12 settembre e per il quale si potrebbe aprire l'ipotesi di omicidio.

La procura è in attesa dei risultati degli esami tossicologici disposti sulla salma dal momento che risulterebbe l'assunzione di un mix di sostanze tagliate male che potrebbero averne causato il decesso.

Se fosse vero questo, potrebbe esistere una persona che ha fornito a Cafasso la sostanza? E se esiste, chi è?

Intanto si aprono nuove ipotesi relative alla morte di Brenda anche a seguito della puntata di Porta a Porta di ieri sera durante la quale Bruno Vespa ha ospitato China, collega del viado trovato morto nel sua appartamento di via Due Ponti a Roma, che ha fornito nuovi dettagli sull'intero caso Marrazzo.

"Una sera Brenda mi ha chiamato e mi ha detto di andare a casa sua", ha ricordato China. "Era ubriaca. Quando sono arrivata mi ha fatto vedere i soldi: erano 28.000 euro. Brenda mi ha detto che 2.000 li aveva già spesi".

Alla domanda di Bruno Vespa su quanti cellulari avesse Brenda, China ha risposto che nell’ultimo periodo ne aveva avuti diversi confermando peraltro che il transessuale era molto esperto di computer e "nessuno sa cosa avesse nel suo pc".

Il legale di Piero Marrazzo ha fatto sapere che la cifra dichiarata da China è "folle" e "dimostra l’inattendibilità dei trans".

Insomma, non si tralascia davvero più nulla allo scopo di accertare cosa sia accaduto in quella parte di Roma considerata per bene e che invece, probabilmente, nasconde più misteri di quanto si possa pensare.

foto ©LaPresse

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017