Excite

Michele Carfora, ex marito fa causa a Barbara D’Urso su assegni di mantenimento: "Mi deve 40mila euro"

  • Corriere.it

Per Barbara D’Urso è tempo di grane giudiziarie con l’ex marito, il ballerino e coreografo Michele Carfora, ai ferri corti con la conduttrice televisiva di Mediaset per un’antica controversia sull’assegno di mantenimento mensile.

Domenica Live, maratona tv e contorno di polemiche: Barbara D’Urso contro tutti

Il conto a carico della 51enne star della tv privata potrebbe essere molto salato, a giudicare dalle notizie circolate sulla stampa specializzata in gossip negli ultimi giorni, ma l’ultima parola andrà al pm Barba incaricato dell’indagine su presunta violazione dell’art. 570 del codice penale.

In particolare, il mancato versamento delle quote mensili di mantenimento da parte della D’Urso a beneficio della controparte porterebbe ad una cifra complessiva di 40mila €, maturata negli anni seguenti al divorzio della coppia datato 2008.

La contesa in giudizio vedrà impegnati i rispettivi avvocati nei prossimi mesi, mentre ai magistrati spetterà stabilire tempi e modalità di estinzione del debito accumulato dalla soubrette napoletana in circa un lustro di distacco dal coniuge, col quale si era sposata nel 2002 per poi separarsi nel 2006 e infine divorziare due anni dopo.

(Gli auguri sexy di Barbara D’Urso alla rivista “Chi”: il video della Mondadori)

Carfora, secondo quanto riportato dai cronisti delle principali testate web in queste ore sulla base delle indiscrezioni filtrate in rete di recente, intende andare fino in fondo nell’azione legale contro la presentatrice di Canale 5, chiedendo il riconoscimento completo dei diritti economici legati al vincolo coniugale.

Quarant’anni e una carriera nello spettacolo ancora in pieno corso, il promotore della causa sulla quale sta lavorando il pubblico ministero Vincenzo Barba ha dato mandato ai propri rappresentanti di fronte all’autorità giudiziaria per documentare nel merito le accuse avanzate nei confronti di Barbara D’Urso.

Gli assegni non versati dalla “primadonna” della tv nazionale ammontavano a mille euro al mese, stando ai numeri citati da fonti vicine alle parti: se la violazione degli obblighi familiari dovesse trovare conferma nella decisione dei giudici, il risarcimento sarà tutt’altro che indolore.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017