Excite

Maria Sharapova, tanta eleganza a Wimbledon

Anche Wimbledon ha le sue regole. Le tenniste, obbligate a vestirsi di bianco da regolamento, molto spesso tentano di infrangerlo, come Tatiana Goldin che l'anno scorso a Wimbledon ruppe le regole del 'dress code' indossando un paio di pantoloncini rosso acceso (riguardala in queste foto).

Ieri, invece, nella seconda giornata di incontri, Maria Sharapova, che, opposta alla francese Stephanie Foretz, ha chiuso la pratica con un 6-1. 6-4, si è presentata in perfetto stile 'all white'. Sempre piena di fascino Maria ha sfoggiato un mise elegantissima: lo smoking. La russa infatti ha indossato una raffinatissima giacca bianca e al posto del classico gonnellino ha preferito degli short estremamente sexy. Per l'entrata e uscita dal campo, ha scelto dei pantaloni lunghi.

Ecco le foto della Sharapova, Federer e Williams elegantissimi

Anche gli altri tennisti hanno sfoggiato un look classico ma allo stesso tempo lussuoso. Lo svizzero Roger Federer ha indossato un completo disegnato dalla Nike: una produzione esclusiva per qusta edizione del torneo e per celebrare i cinque titoli vinti consecutivamente. Tra le altre donne, ieri Serena Williams è entrata in campo anziché con il solito giacchino della tuta, con un impermeabile, anche lei bianco, come vuole la tradizione. Se lo è tolta solo dopo aver fatto gli abituali cinque minuti di riscaldamento.

"Un look da maschio su una donna è qualcosa che attira - ha detto Maria Sharapova in conferenza stampa -. A me è sempre piaciuto tanto. Adoro le giacche da smoking e adoro quell più larghe. Anche perchè sono alta e mi stanno bene. Qui a Wimbledon è difficile creare qualcosa sempre sul bianco e così abbiamo pensato a questo: perchè quest'anno non proviamo gli short? Non l'avevamo mai fatto in uno Slam. Anche se al primo match non ho messo i pantaloni lunghi , mi piacciono: sono molto classici e se c'è un posto dove indossarli questo è sicuramente Wimbledon".

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017