Excite

Liaison Fini-Prestigiacomo? "Solo calunnie"

"Provo indignazione per le maldicenze, le illazioni e le gratuite insinuazioni con cui si è cercato di spiegare le ragioni della mia meditata decisione di votare sì per tre referendum. Indignazione che diventa autentico disgusto per il fatto che non si è esitato a coinvolgere in uno squallido gossip di stampo maschilista il ministro Prestigiacomo, cui rinnovo la stima e l'apprezzamento per il suo impegno". Con queste parole il vicepremier e ministro degli Esteri Gianfranco Fini ha voluto smentire categoricamente le "squallide" indiscrezioni apparse sulla stampa che parlavano di una liaison fra il ministro e il vicepremier.

Proprio la Prestigiacomo ha dichiarato ieri sera dagli studi di Porta a Porta: "Quando poche settimane fa denunciavo il rischio di un clima intimidatorio nella campagna referendaria, mi sbagliavo. Siamo alla calunnia, pubblica e privata. La politica è maschilista, se uno trova convergenze ad alto livello, subito parte il gossip. Sparano sulla vita privata, evitiamo campagne di linciaggio mettendo in giro voci che non sono piacevoli per nessuno".
In realtà le voci di una liaison fra il ministro per le Pari opportunità, Stefania Prestigiacomo, e il vicepremier Gianfranco Fini sono cominciate per la scelta di quest'ultimo di appoggiare la campagna per il sì ai prossimi referendum in materia di fecondazione assistita.
La "strana" scelta del leader di An ha mandato su tutte le furie gli alti rappresentanti del partito.
I rumors si sono ulteriormente amplificati la scorsa settimana quando l'Espresso aveva maliziosamente rivelato come Fini avesse trascorso il pomeriggio in cui Berlusconi era salito al Quirinale per presentare le dimissioni dell'esecutivo "in un portone di un condominio vicino piazza Navona, sopra il ristorante Don Chisciotte". Un condominio nel quale vive il ministro Prestigiacomo.
"E' una calunnia, una calunnia vergognosa, un modo per infangare la scelta di Fini che decidendo di rendere nota la sua posizione sui referendum ha compiuto una decisione coraggiosa. La verità è che qui c'è qualcuno che sta cercando di avvelenare una campagna elettorale già difficile abbastanza", ha chiarito il ministro Prestigiacomo. Fra lei e Fini c'è solo una bella amicizia. Nient'altro.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017