Excite

L'eredità di Berlusconi divide la famiglia

E' guerra nella famiglia del premier Silvio Berlusconi per la divisione del patrimonio e dell'impero con l'intero "clan" radunato in Sardegna per discutere della questione.

Una questione che, dopo il divorzio del premier dalla moglie Veronica Lario, appare sempre più controversa dal momento che nessuno dei cinque figli vuole rinunciare a qualcosa.

A far parlare, dicono fonti vicine alla famiglia, è il gelo tra Marina e Barbara Berlusconi, figlie rispettivamente di primo e secondo letto, sopratutto a seguito della recente intervista rilasciata dalla più piccola a Vanity Fair.

Al settimanale Barbara Berlusconi aveva infatti dichiarato di avere "la passione per l'editoria e mio padre ha sempre pensato che mi sarei occupata di Segrate", stessa passione espressa da Marina Berlusconi che dunque non avrebbe affatto gradito le esternazioni pubbliche della sorellastra.

Il pool di avvocati, consulenti e quant'altro sta facendo del tutto pur di dividere equamente il patrimonio che, allo stato attuale, si stima intorno ai 7 miliardi di euro tra partecipazioni e liquidità senza contare gli introiti derivanti dal mercato immobiliare.

Chiaramente l'ultima parola spetta a Silvio Berlusconi che si trova a gestire anche quel 16% relativo alla quota "ceduta" da Veronica Lario a causa della richiesta di divorzio e che potrebbe influire sull'asse societario oltre che sulla distribuzione delle cariche.

Ad oggi ognuno dei figli di Berlusconi è azionista del gruppo Fininvest con una quota di circa il 7% e la maggioranza della holding, il 61% del capitale, è nelle mani del presidente del Consiglio che detiene anche il 99% delle proprietà immobiliari riassunte in Dolcedrago.

Gli equilibri dell'impero di casa Berlusconi dipenderanno, dunque, da chi sarà scelto come destinatario del 61% di Fininvest attualmente nelle mani del padre fondatore.

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017