Excite

La vendetta di Fabrizio Corona

Da Sircana a Lapo Elkann, da Coco ai paparazzi, passando per i progetti futuri.
E’ un Fabrizio Corona a ruota libera quello che davanti ai magistrati di Milano racconta i suoi affari.

Corona è stato accusato di voler estorcere 200mila euro ai danni della Fiat. "Riesco ad agganciare un trans amico di Lapo. Mi dice dove abita Donato Brocco, in arte Patrizia e, per 1000 euro rilascia un'intervista scritta e una video, che noi registriamo. Ci raccontò che Lapo non andava soltanto con lui e con Patrizia. Raccontò i minimi particolari, descrivendo anche la casa di Lapo dove era stata".
A Patrizia offre 50mila euro per un’intervista che potrebbe valere quattro volte tanto.

Tenta un’asta tra vari settimanali, offre le parole di Donato Brocco a Enrico Mentana e Bruno Vespa.
Quindi l’intervento della Fiat, disposta a comprare il servizio, ma che si tira indietro davanti alla proposta di Fabrizio ("Voglio 200mila euro").

Passato il momento critico, Lapo chiede di incontare Fabrizio. "Parlammo per cinque ore- racconta Corona-. Gli ho spiegato cosa pensavo del caso. A lui avevano detto (...) che io era d'accordo con Moggi, Giraudo e Bettega, che l'avevamo incastrato, che c'era un fotografo che lo aspettava fuori casa, che gli avevano dato la cocaina sbagliata, tutta una serie di robe allucinanti. Gli ho detto: scusami, ci siamo chiariti, lui ha capito la verità e siamo diventati veramente, veramente molto amici".

Le foto di Sircana, erano nelle mani dei Corona’s già da tempo: "Le avevo da 4 mesi ma non ho chiamato il governo, non ho chiamato Sircana, non le ho portate ai giornali, le foto furono vendute a dicembre da un'altra agenzia per 100mila euro".

Coco? Un amico "da quando aveva 18 anni. Purtroppo ha iniziato un percorso molto in discesa sia dal punto di vista professionale che mentale. Mi chiese di voler fare l’attore. Poi c'è stato il primo caso, i 6mila euro pagati per le foto... Le foto di Coco fatte fuori dall'Hollywood... Diciamo che ci sono serate all'Hollywood dove vanno sempre i giocatori, la domenica o il giovedì. Loro sanno che piazzandosi lì... Io ho tre persone all'Hollywood, baristi, camerieri, e quando ci sono i vip mi chiamano. Una volta Galliani ritirò alcune foto di Coco molto particolari".

Da quando è scoppiato lo scandalo, Corona ha ricevuto tantissime foto. "Tant'è vero-racconta Corona al pm Di Maio- che nel mese di marzo, le dico, non mi prenda per pazzo, avevo programmato una campagna pubblicitaria da 300-400mila euro dove c'ero io con la mia foto tipo il sergente americano che diceva "Voglio te".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017