Excite

La confessione di Piero Marrazzo su trans e cocaina

Si arricchisce della testimonianza del diretto interessato quello che ormai è stato ribattezzato il caso Marrazzo e che in realtà racconta di una situazione che coinvolge non solo il privato cittadino ma anche il pubblico uomo di politica.

Le rivelazioni dei transessuali ad Annozero

Guarda le foto: Natalie, il trans del video con Marrazzo

Guarda le foto: Brenda, uno dei trans coinvolti nella vicenda

Piero Marrazzo è stato infatti ascoltato ieri pomeriggio dagli inquirenti di Roma e a loro ha raccontato la sua versione dei fatti, che si dimostra molto più problematica di quel che si pensava.

L'ex Governatore della Regione Lazio ha infatti ammesso di aver pagato i famosi 5000 euro aggiungendo che si trattava di soldi destinati non solo al sesso con i transessuali ma anche all'acquisto di cocaina che veniva consumata proprio durante gli incontri.

Marrazzo, accompagnato dalla moglie, la giornalista Roberta Serdoz, e dal suo legale, l'avvocato Luca Petrucci, ha dichiarato anche di "non essere mai stato ricattato" e di aver considerato quanto accaduto a luglio una rapina non essendosi reso conto che qualcuno stava girando un video.

Ci si chiede adesso se i soldi utilizzati da Marrazzo siano privati o pubblici, ma la questione pare non essere stata affrontata durante l'interrogatorio.

Pare inoltre che Marrazzo non sia stato interrogato invece sulla telefonata che il premier Silvio Berlusconi gli fece per avvertirlo che circolava materiale video su di lui.

Gli inquirenti hanno inoltre smentito l'esistenza di un secondo video sostenendo che le notizie che sono circolate in proposito sono infondate.

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017