Excite

Gabriel Garko perseguitato dalle fan: "Mi hanno sabotato l'auto e una donna voleva il mio sperma"

  • Mediaset

di Margherita Gamba

Essere famosi piacerebbe a molti. Ma lo sappiamo fin troppo bene, la notorietà ha anche i suoi lati negativi, in primis la mancanza di privacy. Per non parlare di fan eccessivamente scatenate ed episodi che, talvolta, possono degenerare. A parlare di situazioni di questo genere, come riporta il Corriere della Sera, è Gabriel Garko, protagonista de Il peccato e la vegogna, fiction campione di ascolti giunta alla seconda stagione. L'attore non chiede molto: vorrebbe vivere una vita tranquilla nella sua villa di Zagarolo, vicino Roma. Ma l'impresa non è facile.

Gabriel Garko, fascino tenebroso: foto

Gabriel Garko e Manuela Arcuri a Venezia: foto

"I cosiddetti fan sono sempre in agguato e ne ho passate di tutti i colori. Uno dei primi episodi risale a molto tempo fa. Mi sabotarono l’auto. Io stavo guidando di sera, stavo andando vicino Napoli per lavoro. A un certo punto andò in tilt l’impianto elettrico. Si spensero tutte le luci e, siccome proprio in quel momento ero su una curva, non potendo più vedere assolutamente niente, andai fuori strada. Per fortuna riportai solo qualche contusione, niente di grave. Lì per lì pensai a un guasto dell’auto, ma poi si scoprì che l’impianto era stato messo fuori uso ad arte", ha raccontato Garko. La situazione è peggiorata, con tanto di lettere minacciose, da quando interpreta il perfido Nito nella serie di Canale 5. "Non erano scritte al computer o a macchina, ma proprio con le lettere ritagliate dei giornali, come si faceva un tempo! All’inizio non mi arrivavano a casa, ma nell’ufficio di produzione, quindi stavo piuttosto tranquillo, poi una sera è avvenuto il peggio. Ero rientrato tardi, varco il cancello della mia abitazione e all’improvviso degli uomini armati di pale cominciano a battere sugli sportelli, sui vetri per tirarmi fuori. La prima botta era talmente forte che ho pensato a uno sparo di pistola. Sono rimasto intronato per un attimo, poi ho cominciato a fare avanti e indietro per trovare una via di fuga, ero disorientato, non sapevo più neanche io cosa stavo facendo…".

Il peccato e la vergogna 2, foto della prima puntata

"Sarà stata mezzanotte", prosegue Gabriel, "mi diressi subito dai carabinieri di zona. Tornammo insieme a casa, ma ovviamente gli aggressori erano fuggiti, lasciando sul campo una delle pale di cui si erano armati". Le indagini, inziate immediatamente, anche sulle lettere, non hanno portato a nulla: "Non c’erano impronte. E io non ricordavo niente, una nebbia fitta era calata su quella serata, forse una sorta di autodifesa psicologica. All’epoca si ipotizzò che lo scopo dei malfattori era probabilmente quello di sequestrami in casa e di rapinarmi. Così la mia paura cresceva e decisi di ingaggiare delle guardie private che ho tenuto per alcuni mesi, poi ho detto basta. Volevo tornare ad appropriarmi della mia vita". Ma di episodi assurdi, all'affascinante attore, ne sono capitati ancora. Forse provocati proprio 'per colpa' della sua avvenenza. "Una donna mi perseguitava perché voleva un figlio da me e un’altra, una russa, mi ha pedinato fino a poco tempo fa. Si era fissata che voleva il mio sperma! Roba da malattia mentale!".

Vip vittime di stalking: foto

Gabriel è consapevole che questo è il risvolto della medaglia dell'essere celebre: "Lo ammetto. Sono le conseguenze negative del mio lavoro e io sono preoccupato non solo per me, ma anche per i miei genitori. Ogni tanto li devo chiamare per tranquillizzarli. Una volta era uscita sul web la notizia che mi dava per morto in un incidente stradale… Ho temuto che a mia madre venisse un colpo!". Così, per tutelare se stesso e i suoi cari, Gabriel conduce una vita piuttosto tranquilla: "Non esco mai la sera, non frequento discoteche, locali alla moda o luoghi facili al gossip. Ho cercato di creare una cortina di silenzio intorno a me, per tacitare tutti i clamori che derivano dalle mie apparizioni in tv o al cinema. Anche perché non voglio che la mia vita privata si confonda con i personaggi che interpreto e viceversa. Voglio essere riconosciuto e ricordato solo per quel che appaio pubblicamente e non privatamente".

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017