Excite

Francesca Pascale, la nuova leva del Pdl tra politica e spettacolo

Una nuova protagonista della scena politico-cabarettistica italiana si potrebbe insinuare prepotentemente tra i presenti: Francesca Pascale, 24 anni e consigliera provinciale del Pdl a Napoli.

Guarda le foto di Francesca Pascale

La Pascale è stata immortalata all'aeroporto di Olbia insieme ad altre ragazze che, nel 2006, si preparavano a seguire un corso politico a Villa Certosa, stando a quel che racconta lei; ed è stata intervistata dal Corriere del Mezzogiorno anche in relazione alla sua partecipazione come valletta a Telecafone su TeleCapri e ad altre trasmissioni più o meno famose.

Guarda il sexy video di Francesca a Telecafone

Confessa di aver "partecipato ad alcuni concorsi di bel­lezza. Alle selezioni per Miss Italia, dove vin­si la fascia di... mi sembra si chiamasse Miss Passepartout: consentiva di partecipare alle finali dell’anno successivo. E poi a Miss Grand Prix" e di aver scelto la politica a 17 quando, a seguito di quella che definisce "un'ingiustizia" decise di denunciare l'organizzazione dello spettacolo, andò in tv ospite di Alda D’Eusanio e infine optò per la politica, "per un mondo più giusto".

Immediata anche la passione per Silvio Berlusconi con la costituzione, il 24 agosto 2004, del comitato "Silvio ci manchi: un gruppo di ragazze e ragazzi che seguiva Berlusconi in ogni manifestazione pubblica" anche se la Pascale dice di aver conosciuto Berlusconi "il 5 ottobre 2004. Lo seguivo come se fosse una rockstar, Bon Jovi. Lo conobbi a Roma, durante un pranzo con gli europarla­mentari. Me lo presentarono Antonio Taja­ni e suo cugino. Arrivai con la maglietta con su scritto: Silvio ci manchi. E lui: Ah, fi­nalmente ti conosco".

Ha una vera e propria adorazione per il premier Francesca Pascale che dice di averla ereditata dai genitori e che sostiene che spettacolo e politica "siano ambiti non così distanti. Lo spettacolo come palcoscenico serio serve a divertire e ad educare. La politica è spettaco­lo quotidiano. Poi, c’è lo spettacolo nauseabondo: il teatrino della politica, quello che monta un caso intorno a Noemi".

Il suo sogno nel cassetto, ad oggi, "è arrivare, un giorno, a sede­re tra i banchi di Montecitorio. Ma anche un nuovo scudetto per il Napoli"; per ora si accontenta di seguire Berlusconi e di farsi dare "sempre qualche consiglio".

La nuova classe dirigente cresce e la distinzione tra politica e spettacolo è sempre meno evidente...

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017