Excite

Amiche di silicone

E' proprio il periodo delle bambole gonfiabili. Dopo la scandalosa proposta arrivata a Paris Hilton di mettere sul mercato una sua sosia in silicone per soddisfare i pruriti sessuali di tutti i suoi fan, è ora il turno di Alice, Ai, Mayu e Tina.
Sono giovani e belle, identiche nei lineamenti e nelle misure, ma differenti nell'abbigliamento.
Si tratta della nuova generazione di donnine gonfiabili, bambole al silicone dalle misure perfette che in Giappone stanno riscuotendo un enorme successo, scatenando la moda di affittare queste dame bellissime, interamente realizzate in plastica.

Hajime Kimura, che ha costruito le bambole umanoidi e dato il via al servizio di affitto e vendita, può vantare in soli quattordici mesi quaranta punti di distribuzione in tutto il paese e più di 200 clienti mensili, la cui età oscilla tra i 30 e i 40 anni. Lo stesso Kimura, ha creato i ‘tsurekomi ryokan’, hotel dell’amore (che fanno capo all’agenzia Doll No Mori) all’interno dei quali, per l’equivalente di circa 85 euro, 24 ore su 24, ci si può intrattenere poco più di un’ora con una Venere sintetica, da scegliere secondo i propri gusti tra differenti modelli.

Testati in via sperimentale a Tokyo, in meno di due anni gli hotel si sono moltiplicati fino a diventare una catena diffusa in tutto il paese del Sol Levante. Rimanendo nel genere, molto più evoluta è l'esperienza animatronica che ai cultori del genere viene promessa da Andy, umanoide femmina inventata da Michael Harriman, un meccanico aeronautico di Norimberga: la sexy bambolona tedesca ha infatti al suo interno un cuore artificiale che accelera i battiti durante il rapporto sessuale, un radiatore che alza la temperatura corporea a simulare l’eccitazione, uno speaker collegato al cuore artificiale che produce ansimi in modo direttamente proporzionale al ritmo dell’amplesso, un dispositivo azionabile in remoto per muovere i fianchi, un sistema per l’emissione di finte secrezioni vaginali e un silicone ultra morbido che riproduce la sensazione del contatto con la pelle umana.

Dulcis in fundo, l’inventore - che crea artigianalmente a mano uno per uno gli esemplari - l’ha dotata di microchip nelle orecchie: basta pronunciare alcune frasi standard e Andy amorevolmente risponde al suo interlocutore umano. La signorina artificiale, insieme alla cuginetta Loly, si trova in vendita sul sito http://www.andydroid.com: è alta 1,59, pesa 38 chili e costa 5.280 euro.

Loly costa un po’ meno (3.860 euro), ma è anche assai più bassina di statura (1,40 metri), mentre la top model Linny (1,85 metri) è ancora in progettazione.

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017