Excite

Barbara Berlusconi: ‘Pato non è un colpo di testa’

Che ipocrisia: perchè dovrei scegliere il mio compagno secondo un clichè? Preferisco assecondare le mie impressioni. E il mio cuore’: ecco le parole con cui Barbara Berlusconi, attraverso le colonne di 'Vanity Fair', comincia a parlare del suo legame con Alexandre Pato. Lei è figlia del Premier, ha una laurea in Filosofia e sta muovendo i primi passi nelle vesti di managaer… Com’è possibile che abbia perso la testa per un calciatore, per giunta di cinque anni più giovane (lei 27, lui 22)?

Video: Barbara Berlusconi e Pato, amore a bordo campo

Sono felice’, dice Barbara. ‘Alexandre è una persona con cui è bello condividere’. Certo, Barbara fa parte del Cda del Milan, suo padre è il presidente della squadra. I maligni dicono che poteva pure evitare di invaghirsi del riccioluto attaccante, ma lei respinge con calma ogni accusa: ‘Mi sento una ragazza normale che si innamora di un ragazzo che la colpisce. Non ne farei una questione di status o di etichetta violata (...) Forse alle scelte di noi donne si applicano categorie di giudizio differenti. Ma se avrò commesso un errore lo scoprirò da me: non posso certo vivere secondo i criteri che altri si arrogano di scegliere’.

E con Giorgio Valaguzza, padre dei suoi piccoli Alessandro ed Edoardo, come sono andate davvero le cose? ‘La separazione – dice Barbara - è stata un passaggio doloroso per tutti. Ma sia io che Giorgio abbiamo sempre dato il massimo: evidentemente non è bastato e doveva andare così (...) Siamo cresciuti insieme, io avevo 16 anni e lui 22 (...) Con il passare del tempo ci siamo formati, siamo cambiati nel carattere e nelle aspirazioni (...) Dopo dieci anni ci siamo ritrovati più maturi, ma distanti’. Non progettava di buttarsi subito in una storia, ‘ma è successo’. E lo dice sfoderando gli artigli: ‘Questa relazione non è un colpo di testa. Se non fossi innamorata, non starei con un uomo'.

gossip.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017